«Il progetto Officina Pisarum nasce dalla mia riconoscenza e dal mio affetto nei confronti di Pisa, la città che mi ha accolta ormai sedici anni fa e in cui ho deciso di lavorare e vivere con la mia famiglia. 

Come molti “forestieri” conoscevo Pisa solo per Piazza dei Miracoli, ignorando il fascino dei palazzi dei Lungarni, la luce del crepuscolo che si riflette nell’Arno, gli scorci suggestivi dei vicoli e l’ampio respiro delle piazze.

Ho cominciato a lavorare a questo progetto nel 2015, ridisegnando uno a uno i palazzi del Lungarno Pacinotti, interpretando con il mio tratto e il mio gusto quello che ho la fortuna di poter vedere tutti i giorni.

Lo sviluppo orizzontale del Lungarno mi ha suggerito l’idea di fare un biglietto pieghevole lungo quasi un metro, sul cui retro fossero indicati i nomi dei palazzi più significativi e la loro data di costruzione. Ridisegnare le architetture mi piaceva molto, e a poco a poco sono nati il Lungarno Gambacorti, il Lungarno Galilei, le tre Torri Pendenti, Piazza della Pera, Santa Maria della Spina, il Palazzo dell’Orologio e naturalmente la Torre Pendente, il Battistero e il Duomo. Ogni architettura e ogni scorcio mi hanno suggerito un formato di applicazione differente. Così sono nati i quaderni, i blocchi, i pieghevoli, i calendari…

Ha preso così forma un vero e proprio progetto articolato di merchandising, che si è arricchito nel corso del tempo di nuove illustrazioni e altre applicazioni».

Sara Ricciardi

 

Con il patrocinio del Comune di Pisa